Taking too long? Close loading screen.
//The Global Consciusness Project

The Global Consciusness Project

Fin dagli anni ‘70  il progetto PEAR dell’università di Princeton si è proposto di misurare e raccogliere prove scientifiche sull’influenza che il pensiero umano può avere sulla realtà fisica circostante. Le verifiche sperimentali sono state eseguite per mezzo di dispositivi elettronici chiamati REG o RNG (Random Event/Number Generator). Il meccanismo fisico su cui si basano questi sensori è quello del passaggio casuale di elettroni in una giunzione tra semiconduttori. Quando un elettrone passa attraverso uno di questi dispositivi, viene generato un segnale elettrico, che, raccolto dal circuito elettronico circostante, segnala il passaggio della particella. In questo modo siamo in grado di contare il numero di elettroni che attraversano il sensore in un certo intervallo di tempo. Se il numero che passa all’interno del sensore è superiore alla media avremo come risultato 1, se inferiore alla media, il risultato sarà 0. Per motivi statistici si otterrà in media una distribuzione uguale di 1 e 0.

Solid_state_electron_detector

Negli esperimenti del progetto PEAR, alcuni soggetti si sedevano davanti al dispositivo e dovevano semplicemente sperare che il REG generasse più 1 o più 0. Ogni soggetto effettuava, nel corso di un singolo esperimento, 1000 prove. Il risultato atteso era ovviamente un valore intorno a 500 volte il valore 1 e 500 volte il valore 0, invece si notava un piccolo spostamento nella direzione sperata dai soggetti. I risultati definitivi ottenuti nel corso di dodici anni comprendono due milioni e mezzo di prove e confermano il potere del pensiero di modificare la realtà fisica circostante.

Durante questi dodici anni, è stato notato che nel corso di alcuni eventi storici particolari, la distribuzione dei conteggi subiva una deviazione considerevole,

Il Global Consciousness Project, anche chiamato EGG Project, è una collaborazione internazionale e multidisciplinare di scienziati, ingegneri, artisti e altri, che si propone di raccogliere dati da un network mondiale di generatori di numeri casuali collocati in 65 siti intorno al mondo. L’archivio contiene più di 10 anni di dati casuali in sequenze parallele di 200-bit al secondo.

L’obiettivo del progetto è di esaminare le correlazioni che possono riflettere la presenza e l’attività della coscienza nel mondo in relazione  con i maggiori eventi mondiali. Quando noi condividiamo  in milioni delle intenzioni o delle emozioni, i dati raccolti dal network GCP/EGG mostrano delle incredibili variazioni dal valore medio abituale. Per esempio, il funerale della Principessa Diana e gli attacchi alle Torri Gemelle di New York dell’11 settembre hanno generato emozioni condivise e una congruenza nello stato di coscienza dei singoli individui che è sembrata correlata con la struttura dei dati generati che, diversamente, sono casuali. ( Per vedere i dati dei diversi avvenimenti storici clicca qui)

Il colore del DOT in coda all’articolo indica il risultato in tempo reale dell’analisi dei dati del Global Consciousness Project. I dati sono raccolti ogni minuto, analizzati dopo 10 minuti dalla raccolta dei dati e visualizzati sul DOT.

Gli effetti sottili della coscienza sono importanti fisicamente, ma il loro reale potere è ancora più diretto. Questi risultati ci incoraggiano ad effettuare un essenziale e salutare cambiamento nel nostro modo di pensare. La consapevolezza di un gruppo molto numeroso di persone, se combinata e usata coerentemente, ha un effetto visibile nel mondo fisico. Sapendo questo, possiamo usare questa capacità per credere  e concentrare il nostro pensiero su un futuro migliore.

Clicca sul DOT per saperne di più !

2018-06-27T07:20:21+00:00 09/08/2010|Categorie: Scienza|Tags: , , , |